Base

Bonus caldo 2022, tutti i vantaggi fiscali di un’estate bollente

La morsa dell’afa di questi giorni ha spinto un numero sempre maggiore di italiani a correre ai ripari per sopravvivere all’interno di case e uffici: se l’installazione di un condizionatore è la prima scelta, perchè la più efficace nel creare un clima e un ambiente gradevole anche quando all’esterno ci sono 40°C, pure montare a casa propria tende parasole può essere una buona opzione. A maggior ragione adesso, visto che il Governo ha previsto una serie di bonus, ovvero vantaggi fiscali, destinati proprio a contrastare quella che si annuncia l’estate più torrida degli ultimi 20 anni.

Il condizionatore ora conviene 
Tra i principali e più apprezzati incentivi fiscali c’è il bonus condizionatore, un’agevolazione rivolta a chi ha installato nella propria casa l’aria condizionata o ha sostituito il vecchio condizionatore con uno a pompa di calore o a risparmio energetico. Questo bonus consente di risparmiare dal 50 al 65% a seconda della tipologia di intervento. Ad esempio, se si fa rientrare l’acquisto del climatizzatore nel bonus ristrutturazione (quello relativo anche a mobili ed elettrodomestici) la detrazione fiscale ammonta al 50% ed è fruibile solo se si installa n sistema di classe A+ o superiori. Se invece si fa ricorso all’Ecobonus, la detrazione arriva al 65%, a condizione di acquistare un apparecchio di classe energetica o maggiore A+++. L’accesso alla detrazione è previsto per gli acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2022. 

Scegliere gli specialisti
Per poter ottenere il bonus, che sia lo sconto in fattura o la detrazione in fase di dichiarazione dei redditi, è necessario presentare una serie di documenti che possono essere rilasciati esclusivamente da dei professionisti. Solo in questo modo si avrà una pratica corretta e senza rischi, oltre ad avere la sicurezza di disporre in casa o in un ufficio di un impianto efficiente, sicuro e correttamente installato. Ecco perchè è importante rivolgersi a chi fa questo lavoro da sempre, come Brezza Clima che da 30 anni opera nella vendita, installazione e assistenza di condizionatori d’aria ad alta efficienza con progetti su misura.

Anche tende e zanzariere
Oltre a quello relativo al climatizzatore, nell’estate 2022 ha fatto il suo debutto un altro bonus “anticaldo”: tende e zanzariere. Questo bonus consiste in una detrazione fiscale del 50% in caso di acquisto di strutture protettive con un tetto massimo di spesa di 60mila euro ad abitazione. L’agevolazione fiscale riguarda: tende da sole, veneziane, tende a rullo e bracci, ma anche persiane, zanzariere e tapparelle. Il bonus è valido fino al 31 dicembre 2022 e il costo massimo al metro quadro è di 230 euro per ogni tenda. Per quanto riguarda nello specifico le zanzariere, che devono essere strutture permanenti, per rientrare nell’Ecobonus al 50% devono possedere la funzione di schermatura solare, marcatura CE e rispettano le indicazioni di trasmittanza termica U con un valore Gtot superiore a 0,35. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.