Base

In che modo l’aria condizionata fa bene alla salute?

Si sente spesso dire che l’aria condizionata potrebbe provocare alcuni malesseri. Ad esempio un pizzico di irritazione in gola, a causa dell’assenza di umidità nell’aria, oppure mal di testa o senso di affaticamento in persone particolarmente sensibili alle temperature “fresche”. Ma è davvero così? A dire la verità, no. Anzi: un sistema di climatizzazione ben installato, puntualmente mantenuto e soprattutto utilizzato correttamente ha molti più benefici sulla salute che controindicazioni. In estate gli ambienti domestici, così come quelli degli spazi lavorativi, se sono ben climatizzati garantiscono infiniti vantaggi in termini di benessere.

L’aria condizionata per anziani e bambini 

I condizionatori d’aria servono ad abbassare la temperatura in casa e in ufficio nonché a ridurre i livelli di umidità che in estate possono essere davvero sfiancanti. Oltre a un comfort generale, il climatizzatore – ovviamente regolato nella giusta modalità – può mettere al riparo da disturbi e problemi tipici dell’estate. Ad esempio, il condizionatore è un prezioso alleato nel contrastare il rischio di colpi di calore, cosa che la ventola ad esempio non fa. Ma c’è di più. Per le persone anziane e i bambini, l’impianto di climatizzazione è ancora più importante: gli over e i piccolissimi hanno infatti maggiori difficoltà a “regolare” la temperatura corporea. In periodi particolarmente caldi come questo, è essenziale che queste categorie abbiano la possibilità di vivere in un ambiente sano e climatizzato. Certo, l’impianto deve essere impostato correttamente e sottoposto a manutenzione periodica, così da eliminare anche possibili impurità dai filtri. Un procedimento che viene effettuato con professionalità dalle squadre di Brezza Clima sugli apparecchi che commercializza e installa.

Quando serve a prevenire

Oltre che per i nonni e i bimbi, l’impianto di aria condizionata è indicato anche per persone che soffrono di patologie che potrebbero peggiorare a causa dell’eccesso di afa e caldo. Ad esempio, un ambiente ben climatizzato è utile per per chi ha problemi legati a cardiopatie, obesità, cattiva circolazione. 
Non solo: la presenza del condizionatore può avere un effetto positivo per gli individui che presentano asma, allergie o altre problematiche legate all’apparato respiratorio. L’aria condizionata riduce infatti il numero di allergeni presenti in casa, come polvere, acari o polline. 

Dormire bene per stare bene 

Diverse ricerche scientifiche stanno dimostrando che dormiamo meglio quando la temperatura è più fresca. La temperatura corporea viene regolata dall’organismo durante tutto il giorno, e verso sera tende ad abbassarsi: è anche per questa ragione che avvertiamo una certa sensazione di stanchezza. La temperatura più bassa, affermano gli studi, si tocca intorno alle 5 del mattino. Se in casa c’è un impianto di aria condizionata, il nostro corpo riesce a rinfrescarsi più velocemente prima di coricarsi, così da garantire subito un sonno più profondo e ristoratore.

Per concludere

Per ritornare alla domanda iniziale, non è vero che il condizionatore fa male alla salute. Anzi, vale l’esatto contrario: fa bene. Naturalmente, per ottenere i massimi benefici è necessario pulire regolarmente il filtro del climatizzatore, usare la funzione di deumidificazione e impostare correttamente la temperatura sia di giorno sia di notte.