Base

Condizionatore, come fare la prima accensione in vista dell’estate?

L’inverno è un ricordo lontano, la primavera sta già lasciando spazio alle prime giornate estive… In diverse località d’Italia già è accaduto che le temperature sfiorassero i 30 gradi. Con questo clima, si inizia a pensare di accendere l’impianto di condizionamento. Dopotutto, chi non ama l’aria fresca e frizzante che il climatizzatore può fornire nelle ore più calde?

Sappiamo che installare l’aria condizionata nella propria casa è ormai essenziale per sopravvivere alla calura estiva. Il climatizzatore non solo rinfresca l’aria nell’ambiente, ma la purifica e funge anche da deumidificatore. E ora, dopo la pausa invernale, è arrivato il momento di rimettere in moto l’impianto. Se non si accende il climatizzatore da mesi, consigliano gli esperti di Brezza Clima, sarete opportuno effettuare una manutenzione professionale prima di premere il tasto “on”. Non esiste nulla di più spiacevole di un condizionatore rotto nel momento del bisogno… Meglio giocare d’anticipo e preparare per tempo il climatizzatore per l’estate.

I controlli “fai da te” 

La maggior parte dei sistemi di condizionamento presenti nelle nostre case è rappresentata da modelli split o multisplit. In questo caso, ci sono alcune azioni da compiere prima di accendere la macchina. Eccole.

Pulizia dei filtri

I filtri si trovano nell’unità interna del climatizzatore, ovvero lo split (o nelle unità interne distribuite in più ambienti, se si tratta di un climatizzatore multisplit). E’ necessario che siano igienizzati, perchè nel periodo di inattività potrebbero aver raccolto polveri e detriti. I filtri sporchi sono dannosi anche per la salute, poiché possono diffondere allergeni in tutta la casa. Questo passaggio è ancor più importante se si hanno animali domestici o se in famiglia qualcuno soffre di asma o altre forme di allergie.
Tra l’altro, un filtro sporco riduce significativamente l’efficienza della macchina.

Pulizia dell’unità esterna

L’unità esterna dei condizionatori è normalmente collocata all’aperto ed è perciò soggetta agli effetti del meteo. Se è stata coperta, ora è il momento di rimuovere la copertura ed effettuare un’ispezione. I pannelli che proteggono i collegamenti elettrici sono integri? Ci sono crepe o spaccature nei tubi? In ogni caso, vanno rimossi gli eventuali residui depositati, come foglie, polveri o ramoscelli, che potrebbero rallentarne l’efficienza. Nell’operazione di pulizia, meglio non utilizzare spazzole o panni abrasivi così come prodotti chimici aggressivi.

Test di avvio

Dopo aver controllato e pulito unità esterna e split, è necessario effettuare un test di accensione per verificarne il corretto funzionamento, come la capacità di rinfrescare o la silenziosità. L’impianto va lasciato in uso almeno per alcuni minuti per avere la certezza che tutto vada come previsto. 

La manutenzione professionale

In ogni caso, è sempre opportuno chiamare un professionista prima di rimettere in moto la macchina: solo così si possono evitare guai più seri. Un tecnico può garantire che tutti i componenti siano in buone condizioni e funzionino correttamente. È anche un’opportunità per sistemare le piccole problematiche prima che si trasformino di guai più importanti (e costosi). 

Per concludere

Quelli che abbiamo indicato in questo articolo sono alcuni dei passaggi importanti da compiere prima di accendere l’aria condizionata. Seguire questi semplici suggerimenti servirà a far sì che l’impianto funzioni nel modo più performante ed efficiente possibile. In questo modo, si vivrà un’estate freschissima e soprattutto anche le bollette rimaranno leggere!